Il minestrone esotico di #unarasdorasingleincucina

Se mi segui da qualche tempo, avrai notato il mio tocco personale in ogni ricetta. E oggi, scopri come ti cambio il gusto del minestrone classico, utile per risolvere anche i malanni di stagione!

Non potevo non preparare il minestrone in questo primo autunno, e con tutta la verdura che mi ritrovo nel frigorifero è un vero peccato non prepararlo! La ricetta di oggi è davvero semplice, tanto che puoi abbondare nelle dosi e conservarle nel reparto freezer ed avere, così, un pasto sempre pronto (dopo aver cura di scongelarlo!).

Minestrone esotico di #unarasdorasingleincucina

La preparazione e gli ingredienti utilizzati in ogni step sono davvero facili da reperire al mercato e i passaggi molto semplici (per questo non troverai la galleria immagini). Prendi nota anche dell’attrezzatura!

Ingredienti:

  • 1 pomodoro rosso
  • 1 cipolla di tropea media
  • 1 carota
  • 2 gambi di sedano
  • ½ cavolo bianco
  • 100 gr di spinaci in foglia
  • 1 patata media
  • ½ radice di zenzero
  • 100 gr di zucca mantovana
  • Sale, peperoncino indiano macinato q.b
  • Olio EVO

Attrezzi:

  • Pentola a pressione ben pulita
  • Coltello + pela patate
  • Tagliere
  • Mestolo + Spatola da cucina (quella con i fori)
  • Robot da cucina con lama in plastica
  • 4 o 5 contenitori medi per cibi (di plastica o vetro)

Tempo:

  • 1h

Come preparare il minestrone di #unarasdorasingleincucina?

Pulizia!

La prima cosa è, pulire le verdure! Alle patate è necessario togliere ogni residuo di terreno, la carota vien spuntata alle estremità e leggermente sulla buccia mentre la cipolla, il cavolo, gli spinaci insieme al sedano, alla zucca (inserita con la scorza ma senza semi) e il pomodoro possono essere lavati sotto abbondante acqua corrente.

In cottura e non solo!

Sei arrivata fin qui? Ottimo! Ora non ti rimane che deporre tutto dentro la pentola a pressione, riempita fino alla tacca disegnata all’interno e far cuocere tutto per 20 minuti circa.

Nel mentre, procediamo con la preparazione dei contenitori: io preferisco il vetro perché mantiene protetto ogni cibo. I contenitori di plastica, alle volte trasmettono odori a ciò che vi mettiamo all’interno. Soprattutto se lavati male.

Raffreddamento e il tocco esotico!

Ok, son passati i 20 minuti. Spegni il fuoco e lascia raffreddare (è importantissimo!!). Prepara una postazione comoda dove poter mettere il robot e la pentola quando effettuerai il passaggio, pentola-robot, delle verdure. Mantieni l’acqua di cottura e ricordati di eliminare la buccia di patate e zucca sul tagliere. Aiutati con un coltello. Forse le più esperte non apprezzeranno il robot, ma noi single in carriera è già tanto se abbiamo anche solo il trita verdure… comprato dalla mamma o dalla nonna in apprensione.

E lo zenzero? Lo zenzero è una radice che ho scoperto nell’ultimo anno. Spesso utilizzato nelle tisane, ho iniziato a inserirlo un po’ ovunque in realtà. Anche nella macedonia, dona quel tocco di non so che di esotico senza rendere il piatto stomachevole. Inoltre è un ottimo toccasana per i malanni di stagione e la digestione. Nella mia versione ho tagliato giusto qualche rondella in cottura con le altre verdure ma è possibile aggiungerlo fresco quando si trita tutto nel robot.

Mescola tutto e voilà

Pian piano, aiutandoti con la spatola a fori, porta le verdure nel robot e fai girare la lama. Ricorda che a seconda della velocità doni al minestrone una grana più o meno fine. Se noti essere troppo denso, aggiungi l’acqua di cottura utilizzando il mestolo. Consiglio di tenere in frigorifero un barattolo dell’acqua di cottura (da consumare entro 1 settimana non di più), utile per le preparazioni successive sia del minestrone e sia di altre pietanze della stessa famiglia.

Sempre con l’aiutante mestolo riempi i contenitori, 4 o 5 dovrebbero essere sufficienti (dimensioni medie, da pranzo al sacco). Fai raffreddare il tempo necessario (non è incluso nei tempi indicati all’inizio) chiudi e deponi in freezer.

Da servire caldo con parmigiano reggiano, un filo di olio EVO, sale e peperoncino macinato (se gradito). Degustabile sia semplice e sia con l’aggiunta di pastina da brodo oppure riso bianco.

Voilà, il minestrone esotico di  #unarasdorasingleincucina è pronto.. e tu, come prepari queste verdure?

Autore dell'articolo: Elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *