Nocino: liquore reggiano per allietare il dopo pasto

Ad Agosto è tempo di liquori, in particolare i reggiani preparano il nocino.

Uno spirito a base di noci per allietare il dopo pasto.

Scopri tutte le curiosità, ricetta compresa!

Uno dei prodotti tipici dell’ Emilia, in particolare la bassa pianura padana, è il nocino.

Il nocino è un liquore antico, preparato grazie all’infusione del mallo delle noci in alcool.

La tradizione vuole che raccolta deve avvenire la sera di San Giovanni (il 24 Giugno), viene degustato come digestivo a fine pasto.

Nocino: la ricetta di un liquore antico reggiano

Gli ingredienti sono davvero basilari:

  • alcool a 95°
  • noci verdi
  • zucchero semolato
  • cannella
  • chiodi di garofano

A differenza, la preparazione secondo me risulta più laboriosa.

In primis è necessario lavare le noci sotto l’acqua corrente per tagliarle in 4 parti successivamente.

All’interno di un vaso di vetro, di quelli con la chiusura ermetica, ogni produttore mette in infusione le noci insieme all’alcool, lo zucchero semolato, la cannella e i chiodi di garofano.

Consiglio di utilizzare un vaso di vetro con una capacità di 5 litri, l’unione di tutti gli ingredienti aumenta la quantità finale

Una volta chiuso il vaso, questo deve essere messo a macerazione al sole (per esempio sul balcone di casa) per almeno 90 giorni. Agitare di tanto in tanto.

Trascorso il tempo, filtrare il prodotto ottenuto ed imbottigliare in una o più bottiglie che svolgono una funzione anche decorativa.

Curiosità locale sul Nocino

Nel mio paese la tradizione è così sentita che alcuni abitanti hanno dato vita alla Compagnia del nocino, un’associazione che ogni anno degusta le ricette dei singoli produttori e ne decreta la più meritevole.

La  “ COMPAGNIA DEL NOCINO “ di Fabbrico (Reggio Emilia)
è un’associazione di carattere culturale nata nel 2003 da un gruppo di interesse sul nocino inteso come prodotto della nostra tradizione
e della nostra cultura popolare.
A Fabbrico il nocino si fa da sempre e la Compagnia vuole valorizzare il rito familiare della sua preparazione e salvaguardarne l’antica ricetta.
La “ Compagnia del nocino”, in collaborazione con l’A.I.S. di Reggio Emilia e con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Fabbrico, organizza il
“ Palio di S. Giovanni” che nel 2015 è giunto alla quindicesima edizione e ha visto in gara 120 campioni.
Fra i compiti statutari, oltre la realizzazione del palio, “l’organizzazione di corsi, conferenze, convegni, pubblicazioni, spettacoli,
mostre, ecc., volti ad approfondire la conoscenza del liquore nocino come elemento della tradizione e della cultura popolare”.
La partecipazione occasionale a fiere specialistiche sui temi comuni della salvaguardia delle tradizioni alimentari e delle antiche ricette
è finalizzata anche alla raccolta fondi per la realizzazione del progetto “Palio del nocino di San Giovanni”.

 

Se passi per la bassa reggiana ti aspetto, e ti farò degustare questo squisito spirito!

A presto,

La Rasdora

Autore dell'articolo: Elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *