Schiscia: contorno di verdure saltate in padella!

 

Qui a Milano è un must prepararsi la schiscia (o schiscetta) ovvero il pranzo preparato a casa e pronto per essere consumato nella “zona cucina” dell’ufficio. Ormai quasi tutte le società hanno una cucina interna, come momento sia conviviale e sia di rifornimento per la pancia 🙂

Mangiare spesso fuori, al bar all’angolo o il panino preso al forno sotto l’ufficio, diventa una spesa per il portafoglio e per la nostra salute. Considera che in ufficio sono più le ore passate a sedere che in piedi o camminando e poco è il tempo per andare in palestra.

Sicuramente non sarà una manna caduta dal cielo che salva la nostra forma fisica, ma mettiamoci del nostro a piccoli passi. Per questo ho rivisto alcuni piatti e la loro consistenza. Oltre all’aspetto logistico.

Quante volte apriamo il frigo e “accidenti, le verdure stanno andando a ramengo!” oppure “ho acquistato pomodori e carote, hanno fatto la muffa e ora devo buttarli!”. Ecco con questa ricetta, cara single in carriera, raccoglierai un piccione con una fava. Anzi molto di più: prima che le verdure assumano lo stato “sono da buttare” puoi preparare la padella per rimediare alla situazione oppure puoi anche cucinarle per accompagnare un secondo piatto di carne che tu mangerai a casa oppure in ufficio. In tanto che hai la fiamma accesa vuoi mettere le cose avanti? aaa come ti capisco, preparale ugualmente ma prima, guarda se hai un contenitore e spazio nel freezer 😉

Oggi ti propongono alcune varianti, questa ricetta è stata da me rivista diverse volte anche a seconda di quanto proponeva il frigorifero.

Ingredienti per 1 persona:

Verdure:

  • 5 pomodorini “datterino”
  • 1 carota
  • 1 zucchina piccola
  • ½ cipolla bianca (o scalogno piccolo)
  • Sale q.b.
  • Peperoncino Turco o Indiano macinato
  • Olio EVO

Le varianti da aggiungere e o sostituire:

  • 2 patate piccole
  • ½ limone
  • melanzana piccola
  • 1 manciata di faglioni cotti a vapore
  • 2 biete
  • basilico fresco tritato

Come preparare la schiscia di contorno di verdure?

Prepara il piano di lavoro: ti serviranno 1 padella con un coperchio dello stesso diametro, 1 coltello a punta tonda, 1 mestolo di legno, 1 piccola taglierina per affettare le verdure, il pela verdure, tutte le verdure pulite e ben disposte sul tavolo. Infine 1 piatto oppure un contenitore a seconda della messa in tavola di casa o dell’ufficio.

Lava e asciuga per bene le verdure. Inizia prima dalle patate e dalle carote perché vanno pelate (tolta la buccia) un minimo. Aggiungi anche la zucchina, tonda o lunga, se non ami la buccia utilizza il pela verdure. Se ti domandi cosa sia il pela verdure, tranquilla, non è altro che il pelapatate che è adatto anche alle altre verdure.

Una volta tolta la buccia, taglia a rondelle non troppo sottili (altrimenti sono le prime a cuocersi rispetto alle restanti) le carote, poi la zucchina e la patata invece tagliala a tronchetti non troppo spessi. Solitamente la patata impiega più tempo.

Non dimenticarti dei pomodorini, puoi tagliarli a metà cioè in 2 o 4 spicchi. Ricordati di aggiungerli per ultimi perché il pomodoro “fa presto” nella cottura.

Bene, le verdure ora sono pronte ah no, aspetta… manca la cipolla (o scalogno)!

Allora, prima di passare tutto in padella, affetta la cipolla ma non per intero perchè ti bastano 2 fette sottili giusto per essere tritate.

Ora dai vita alle fiamme: padella sulla griglia, un filo di olio EVO e dentro la cipolla.

Una volta che è ben rosolata, e non intendo marrone (è bruciata!) ma nemmeno bianca, ovvero quando tende al giallo paglierino aggiungi le verdure per gradi. Prima la patata, poi la carota. Lascia amalgamarsi il tutto per 5 minuti. Se temi si attacchino alla padella aggiungi un goccio d’acqua.

Nel momento in cui la carota e la patata iniziano ad ammorbidirsi, aggiungi la zucchina tagliata a rondelle. Ancora 5 minuti. Pronto tutto, aggiungi i pomodori. Chiudi con il coperchio e fai andare la fiamma bassa per 10 minuti (al massimo 15 minuti).

Una volta raggiunta la cottura, dipende anche dalle tue preferenze qui ti riporto una cottura per raggiungere la consistenza solida cioè le verdure non sono spappolate ma ancora intere e degustabili singolarmente, aggiungi sale e peperoncino indiano macinato. Una mescolata con il mestolo di legno e il contorno è pronto per accompagnare un succoso hamburger oppure una bistecca.

Se il contorno lo gusti in ufficio, consiglio di deporre le verdure cotte nel contenitore una volta raffreddate. A seconda del consumo poi, chiudi il contenitore che puoi mettere in frigorifero per il pranzo del giorno dopo oppure in freezer per mangiarle quando preferisci. Ricorda soltanto di scongelare in frigorifero la sera prima, o al massimo la mattina stessa quindi sul lavandino, così da rientrare a casa e avere un qualcosa di pronto più o meno subito.

Guarda la gallery!

 

 

Come riempitivo ti consiglio di acquistare pane ai cereali, di kamut, fatto con la pasta madre oppure di segale che puoi trovare per esempio in negozi come il NaturaSì.

Come trovi questo contorno? Aggiungeresti appetitosi ingredienti a questa ricetta?

Fammi sapere cosa ne pensi e nel frattempo ti auguro buon appetito!

Autore dell'articolo: Elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *