Visitare Milano con Musement: La Madonnina! (parte 3)

Eccoci alla terza parte di “Visitare Milano” una visita per punti d’interesse insieme a Musement, il nuovo portale dove i viaggiatori possono trovare numerose attrazioni prenotabili in anticipo. Scopri che cosa ho imparato con la guida Stefania, in quest’ultima tappa!

Dopo il più famoso teatro, Teatro alla Scala, il primo centro commerciale italiano, la Galleria Vittorio Emanuele II è il momento di spostarsi sotto il monumento principe di Milano: la madonnina.

Il Duomo di Milano e la Madonnina dorata

Anche la piazza è stata disegnata dopo l’Unità d’Italia perché questo spazio era tutto occupato dal quartiere “Rebecchino”. Un quartiere medioevale. Con l’avvento dell’Unità d’ Italia, Milano ha voluto rifarsi la veste e quindi l’amministrazione decise di demolire tutto il quartiere. Parliamo della vecchia Milano, quindi a partire da Piazza del Duomo fino ad arrivare al Castello Sforzesco (Zona della Metro Cadorna). Siamo fra il 1800 e gli inizi del 1900.

Oggi la piazza è molto ampia, nonostante non sia stato realizzato il progetto definitivo, invece gli altri palazzi che si affacciano sulla piazza, tra cui il Palazzo Reale ristrutturato da Pier Marini (lo stesso del Teatro alla Scala), sono di fine ‘700.

Interessante è l’Arengario, il palazzo doppio sulla sinistra, che dopo la restaurazione è stata adibito a Museo (ora vi troviamo il Museo del 900). Fu costruito negli anni’30 da Mussolini, creatore del movimento fascista proprio in città. Nasce sulle linee dello stesso stile.

Ora… finalmente il Duomo! Costruito a partire dal 1386, data della posa della prima pietra, proseguita per più di 400 anni. Infatti l’ultima parte è stata la facciata: la costruizione ha avuto dall’abside, posizionato dal retro, per risalire in avanti.

I portali bronzei sono stati costruiti a partire dal 1890: è importante notare che ogni portale bronzeo è dedicato a un momento storico per Milano. Infatti ritroviamo Costantino, Sant’Ambrogio, Vergine Maria, San Carlo Borromeo e al periodo comunale milanese sono i momenti raffigurati.

La madonnina dorata protegge Milano

Il Duomo è la terza cattedrale al mondo per grandezza, la prima invece è San Pietro a Roma e la seconda Siviglia in Spagna. Copre, difatti, 15.ooo metri quadri e ha inglobato le due chiese preesistenti (più il battistero di San Giovanni): la Cattedrale di Santa Tecla (il vecchio Duomo di Milano, fondata nel quarto secondo avanti cristo), e quella di Santa Maria Maggiore.

Lo stile è quello gotico francese d’oltralpe, come richiesto dal duca Gian Galeazzo Visconti che vuole una struttura moderna per la sua città. Si rifà alla cattedrali gotiche, però, nel corso dei secoli i gusti cambiano quindi si sono alternati altri stili architettonici rispetto all’inizio.

La sua maestosità imponente presenta 3.650 statue tra interne ed esterne, 96 doccioni, 136 guglie e su quella maggiore c’è la madonnina dorata. Possiamo definirla la statua per eccellenza, ormai famoso simbolo della città: misura 108 di altezza, 4 metri e 16 della statua.

Curioso notare che fino agli anni’50 nessun edificio poteva superare in altezza il Duomo di Milano ma nel momento in cui si iniziò a costruire i grattacieli, il comune ha deciso di deporre una statua della madonnina sulla cima di ogni palazzo perchè la madonnina risulti essere sempre il più alto punto d’interesse… il suo obiettivo è quello di proteggere la città e i suoi abitanti.

Con la visita al Duomo termina il mio pomeriggio con Stefania e la storia della caotica Milano.

Spero ti sia appassionata alle vicissitudini  e agli episodi narrati, per gli approfondimenti tutti i link a fondo pagina.

 

A presto,

La Rasdora

 

Musement Visita acquistabile: Visita Guidata al teatro alla Scala, alla Galleria Vittorio Emanuele II e al Duomo

Musement: www.musement.com

Tutte le informazioni sulla città direttamente dal Comune: www.comune.milano.it

Autore dell'articolo: Elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *