Rasdora: femminilità amore e organizzazione made in Emilia - Romagna! - unarasdorasingleincucina

Rasdora: femminilità amore e organizzazione made in Emilia – Romagna!

 

Ciao e benvenut@ nella mia cucina.

Mi chiamo Elena sono una Emiliana D.O.C e ti preparo le ricette della mia bellissima regione, l’Emilia - Romagna!

Fin da piccola trascorrevo le mie giornate in compagnia delle due bisnonne e di Nonna, mentre mamma e papà erano al lavoro e le sorelle prese da amici e scuola.

Nonna, sempre indaffarata tra un rammendo e una sfoglia mi coinvolgeva nelle faccende domestiche. In particolare ricordo che sul quel tagliere riusciva a fare tante magie: aggiungi impasta taglia e riempi.

Dallo spennare la selvaggina cacciata da nonno alla lasagna della domenica.

Veri capolavori culinari approvati da tutta la grande famiglia, infatti non passava giorno che non vi fossero amici e i lontani parenti a zonzo per casa.

Guardavo con ammirazione quei gesti e Nonna non ha perso tempo nell'educarmi come una donna d’altri tempi.

Il frigorifero sempre pieno, la pasta fatta a mano, dolci genuini e pieni di gusto.

La sua casa ormai vuota, emana ancora questi profumi: apro la porta e mi sembra di sentirli ancora nell’aria, di rivedere i gesti della mia infanzia.

Per me RASDORA è un modo di fare ed essere che viene spontaneo!

Per ricevere le mie delizie, iscriviti subito alla newsletter

Chi è la Rasdora?

Se senti profumo di zucchero, burro e uova pervadere nella stanza allora stai pur certa che la Rasdora sta preparando qualcosa di buono. 

La Rasdora è la figura femminile tipica di casa Emilia, ma anche Romagna.

Non è una figura mitologica quindi, ma rappresenta la tradizione in toto e guai a chi ne parla male… ecco questo è uno dei pochi modi per risultarle antipatico.

La Rasdora è amorevole, porta la gonna ma allo stesso tempo ha il polso e indossa i pantaloni. Tenace, sorridente, severa ma onesta e sincera. 

Rasdora: figura femminile della tradizione emiliana che aveva il compito di educare tutte le donne di casa, fare le faccende domestiche, gestire l'orto gli animali e produrre il vestiario per la famiglia. Oltre a gestire i conti.

Mi piace definirla la "manager di casa".

In generale la Rasdora si occupa della casa e di tutto quello che riguarda la famiglia. 

Nello specifico prepara i pasti in casa: con le proprie mani unisce farina uova burro e crea vere e proprie delizie di stagione. Utilizzando i prodotti locali del proprio territorio. Per lei è un fatto personale quello di aiutare i più piccoli e intorno a lei. Li conosce, sa cosa vuol dire. 

Guai a comprare qualcosa di compero, se lei può farlo in casa.

Le preparazioni lunghe, saporite e profumate sono il suo mondo. Adora spendere tempo alla ricerca di prodotti, nonché produttori, che meritano la sua attenzione. Fare prove e riprove finché non ottiene l’impasto che cerca. 

La sua soddisfazione e il suo amore passano attraverso il cibo:
avviene una specie di trasferimento attraverso le sue calde mani!

Non è un’amante del generale e delle mode del momento: è per lei appagante quel palato capace di gustare quanto preparato, curioso di averne ancora, sorridente e desideroso di compagnia. In altre parole di buon cibo ottimo vino e convivialità.

La cucina è la parte della casa preferita, dove da il meglio di se fra una tagliatella e l’altra. 

In tutto questo emerge una funzione sociale della Rasdora se ci fai caso, soprattutto con le donne di casa. Anche gli uomini sono educati ma la donna sarà colei che riceverà il testimone, meglio allevarle capaci e onorate di portare avanti questo nome RASDORA.

Con le donne di casa condivide modi di gestione e ricette da tramandare a loro volta. Le coinvolge nelle faccende domestiche, nel creare abiti e un orto impeccabile. Le supporta anche nelle dure scelte di vita: amore con i piedi ben piantati, condivisione delle responsabilità per due, momenti di gioco con i bimbi. Crescita personale. Essere godereccio della vita.

Per ricevere tutte le magie della Rasdora, iscriviti subito alla newsletter