Pane ferrarese: la coppia più buona di Ferrara | La Rasdora in cucina

Pane ferrarese: la coppia più buona di Ferrara

Torta di vigolo marchese – dolce di Piacenza
13 Maggio 2020
come fare la lista della spesa perfetta
Come fare la lista della spesa perfetta: trucchi e consigli della Rasdora
18 Maggio 2020
Condividi sui social:

Il pane ferrarese è famoso in tutta la regione: croccante fuori e morbidello dentro, ecco la mia versione rustica!

Ferrara è famosa anche per il pane ferrarese, facile da identificare perché di piccole dimensioni e ricorda una X ma per non sbagliare chiedi della “coppia ferrarese o ciopa” se ti trovi in quel di Ferrara e provincia.

Desideri prepararlo a casa? Di seguito ti presento la mia ricetta, nata da un insieme di tecniche e consigli visti nel settore. 

Pane ferrarese: la ricetta

Ingredienti

Per la biga/poolish

  • 200 gr di farina 0 BIO
  • 100 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 4 gr di lievito di birra fresco

Per l’impasto

  • 1 kg di farina 0 BIO
  • 500 gr circa di acqua a temperatura ambiente
  • 20 gr di sale BIO
  • 24 gr di lievito di birra fresco
  • 120 gr di strutto

Il procedimento per replicare il pane di Ferrara a casa!

Queste dosi vi porteranno a 20 – 30 coppiette, certo dipende dalla dimensione (grandi o piccole) ma è anche vero che io sono abituata a lavorare con grandi dosi. Per iniziare i tuoi esperimenti ti consiglio di dimezzare le dosi per biga e impasto che ho scritto sopra.

La biga/poolish è un impasto iniziale ottenuto miscelando acqua, lievito e farina o BIO. Una volta unito, meglio se lavorato con le mani, far riposare per 8-9 ore a temperatura ambiente. Coperto con un canovaccio dentro a una ciotola. 

pane ferrarese
La biga per dare vita al pane ferrarese

Trascorso questo tempo, prepariamo l’impasto. 

Sul tagliere versare 1 kg di farina 0 BIO, disponiamo a fontana e al suo centro poniamo l’acqua e il lievito sciolto, lo strutto a pezzetti e un pizzico di sale BIO. 

Ricorda di inserire anche la biga/poolish. Amalgamare per bene il tutto in 10 – 15 minuti. 

Formatura del pane di Ferrara

Ora passiamo alla forma del pane: fai attenzione, procedimento è semplice ma richiede un paio di passaggi. 

Prima cosa dividiamo in 5 parti l’impasto. Puoi dividere anche in più parti ma è probabile che le coppiette diventino più piccole.

Prendi la prima parte tagliata, cerca di fare una pallina e con l’aiuto del mattarello stendi la pasta prima in verticale e poi in orizzontale. 

Prendi la parte alta e inizia ad arrotolare, gira per il lungo il rotolo ottenuto e stendi di nuovo con il mattarello ma solo in verticale. Inizia a fare il rotolino partendo dalla punta in alto, fino a metà striscia. Ripeti l’operazione con la punta opposta. 

Ora prendi le due estremità e avvita. Poi stringi nella parte inferiore.

Ripeti l’operazione fino a che non hai terminato tutto l’impasto. Non ti preoccupare se le forme restano fuori forno 15-20 minuti, anzi meglio lievitano un poco. 

la formatura in verticale
poi la formatura in orizzontale
pane ferrarese_formatura
e poi fai il doppio giro con la pinzatura su retro

Inforna tutto a 180° per 20 minuti, se desideri dare il famoso colore dorato non ti resta che aumentare a 200° per 10 minuti in più. 

pane ferrarese
La coppietta ferrarese a crudo
pane ferrarese
Le coppiette di pane ferrarese cotte

Ora mordile, non ti sembrano deliziose?

Sei un amante della scarpetta? Allora ti consiglio di abbinare il pane ferrarese a queste succulenti tagliatelle!

Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila con chi secondo te apprezzerà

Rasdora

——————————————————————————————————————-

Con questa ricetta contribuisco al progetto NUTRIBIO: il progetto promosso dall’associazione dei produttori biologici Orizzonte Campagna per valorizzare le produzione agricole biologiche presso i consumatori. In collaborazione con Regione Emilia – Romagna, il programma di Sviluppo rurale dell’Emilia – Romagna sostenuto dal Fondo Europeo per lo sviluppo rurale.

Rasdora
Rasdora
Sono una cuoca a domicilio e porto l'Emilia-Romagna nelle case delle persone. Pranzi, cene e molto altro: dai uno sguardo alla mia creatività, commenta o condividila se secondo te può essere di aiuto a chi conosci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *