Spreco alimentare: la situazione italiana | La Rasdora in cucina

Spreco alimentare: la situazione italiana in fatto di cucina sostenibile

minestra di lenticchie e prugne secche
Zuppa di lenticchie e prugne secche
1 Febbraio 2021
lista della spesa perfetta strumenti
Creare la lista della spesa intelligente: gli strumenti!
25 Febbraio 2021
spreco alimentare_rasdora single in cucina
Condividi sui social:

Cucina senza sprechi anche detta “cucina sostenibile”: parliamo di numeri e consapevolezza degli italiani a tavola!

Il tema degli sprechi è un tema che mi sta molto a cuore: nelle mie esperienze a fine giornata ho visto molto cibo buttato ancora buono ma non venduto. A mio avviso le stesse logiche aziendali incentivano questi sprechi: comprendo possano essere messi in vetrina perché di poco appeal per il cliente ma è pur vero che vi sono app e fondazioni che raccolgono quanto avanzato a fine giornata. E’ bene informarsi anche lato cliente: spesso siamo noi a decidere quanto proposto nel menù di un ristorante, ad esempio.  

A guardare tutto quel ben di Dio pensavo alle mille e mila ricette che potevo creare.

La natura ci ospita e nel farlo ci regala tante prelibatezze, dobbiamo prendercene cura!

La situazione italiana in fatto di spreco alimentare

Documentandomi in rete e leggendo il report diffuso da SprecoZero scopro, con molto rammarico, che nelle nostre case avviene il maggior spreco di cibo. E dire che noi siamo i padri del buon cibo, agli occhi del resto del mondo. In particolare i nostri avanzi di cibo hanno una motivazione di fondo. Difatti per tre motivi facciamo spreco:

  1. si acquista di più di quanto si consuma
  2. si consuma troppo rispetto alla vera esigenza
  3. il cibo acquistato non viene consumato in tempo 

Sono inclusi anche i cibi bruciati in questa analisi. 

A differenza degli anni passati, leggo anche, si registra un calo tendente al 25% in meno di avanzi per questo 2020 ma non è abbastanza. E’ necessario creare una nostra consapevolezza nel rispetto del pianeta e del nostro portafoglio. Hai mai pensato “come ho guadagnato i 1.000€ al mese che ricevo”? Lavorando in cambio del tuo tempo.

Quindi hai davvero lavorato per acquistare quella preparazione che va tanto di moda? Pensaci!

Come avere più consapevolezza degli sprechi alimentari?

Avere una nostra consapevolezza è un dovere in primis verso noi stessi, siamo responsabili di noi delle nostre scelte e gli impatti che queste generano. E allora come possiamo avere più consapevolezza? Ecco 4 passi:

  1. acquisti dal territorio
  2. pianificare correttamente la spesa 
  3. considerare le date di scadenza 
  4. conoscere i metodi di cottura e conservazione

Non è sfornando pane quando non si sa cosa fare che ci si sente cuochi: esperienza e studio fanno la differenza, poco ma sicuro, certo è anche lo sperimentare-analizzare-valutare che ci permette di essere attenti e responsabili della cucina di casa nostra, apportando una conseguenza salutare per il nostro pianeta. Non credi?

Per saperne di più, scopri qui le mie regole per cucinare senza sprechi e in tutta bontà!

Rasdora

PS: Se desideri conoscere sull’argomento, Scopri SprecoZero.it in collaborazione con l’Università di Bologna.

Rasdora
Rasdora
Sono una cuoca a domicilio e porto l'Emilia-Romagna nelle case delle persone. Pranzi, cene e molto altro: dai uno sguardo alla mia creatività, commenta o condividila se secondo te può essere di aiuto a chi conosci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *